Oggi il cesto dei post propone...

Oggi il cesto dei post propone...

Le piante che scappano di casa

}

mercoledì 15 marzo 2017

Pietra tombale sul prato-parcheggio

Vi ricordate della tematica del prato armato da adibire a parcheggio, fra via Darwin e via Fleming, davanti all'hotel Caesar's? Ne abbiamo parlato diverse volte, perché sembrava un esperimento di grande interesse e possibili sviluppi, lanciato con grande battage pubblicitario dai mezzi di comunicazione locale, addirittura come primo parcheggio in erba in campo nazionale.

Peccato che le mie iniziali valutazioni, positive ma prudenti (post del 29/6/12), si siano trasformate in critica dopo appena sei mesi, per un radicale intervento di manutenzione spacciato per primo rilascio (post del 14/1/13); un altro anno, e ho dovuto parlare di fallimento, pur smorzato dal punto interrogativo (post del 26/2/14); ancora un altro anno di sospensione, ed il fallimento è diventato patente (post del 16/4/15).

Oggi ci torno per l'ultima volta, perché non me ne vorrei più occupare, mettendoci sopra una bella pietra tombale. Guardate la situazione attuale.



Terra, solo terra di grana sottile, polverosa, di quella che vola via con il vento, e che lascerà scoperte le maglie di rinforzo della costosa struttura sottostante.

Ribadisco quanto già scritto in precedenza: invece di dare libero sfogo alle manie di grandezza, non si poteva fare un esperimento su un appezzamento molto più piccolo di terreno, e verificare modalità e costi di gestione? Verificare per esempio che i costi di gestione sarebbero stati troppo elevati, con il nostro clima, e che sarebbe convenuto intervenire diversamente, risparmiando tanti soldi pubblici e con risultati sicuramente migliori, alla luce dei fatti?