Oggi il cesto dei post propone...

Oggi il cesto dei post propone... Le stagioni della Melia

post del 2 novembre 2010
post del 25 gennaio 2012
post del 13 maggio 2011
post del 5 marzo 2012
post del 17 maggio 2015
post del 28 aprile 2018

venerdì 14 giugno 2024

I Carrubi di piazza Islanda stanno morendo, aiutateli!

Non c'è molto da dire, purtroppo, per commentare la fotografia odierna, che ritrae uno dei più gloriosi Carrubi, Ceratonia siliqua, di piazza Islanda, uno di quelli che si affacciano su via Stoccolma: questi Carrubi stanno morendo, credo per colpa di un rinnovato attacco da parte dei topi.

Rinnovato, sì, perché almeno un altro attacco c'era stato nel 2016 (post del 9/4/16),  poi curato con successo alla fine del medesimo anno.

E quest'anno ci risiamo, forse in modo ancora più pesante; ne ho parlato recentemente (post del 30/3/24), fotografando lo stesso esemplare di oggi. Ebbene, le cose stanno peggiorando, e temo che se non si interviene in fretta questo patrimonio verde, non solo di questa bella piazza ma di tante altre localizzazioni, sarà perso. 

E quindi, ribadisco, non c'è molto da dire, se non chiedere, una volta di più, l'urgente intervento degli amministratori del verde pubblico, ripetendo la solita considerazione: non basta inaugurare, bisogna manutenere!    
 

giovedì 6 giugno 2024

Le ultime cascate di "orci" rossi

 Se il titolo appare un po' astruso, lo chiarisco subito: stiamo parlando della meravigliosa fioritura rossa delle Sterculie, ed in particolare delle due grandi sorelle di Genneruxi, oggetto di tante attenzioni da parte del blog (post del   11/6/15 , 2/6/2018/3/2220/6/22,  solo per citarne alcuni fra i più significativi).

E stiamo parlando degli  ultimi scampoli di fioritura per questa meravigliosa specie di alberi, la Sterculia diversifolia nel vecchio nome, il Brachychiton  populneus nel nuovo.



Ed eccola qua la sorella di sinistra (quella di destra ha già compiuto il rito annuale), dove via Berna incrocia via Stoccolma; è ancora carica dei grappoli di piccoli orci, pendenti per il peso proprio, che formeranno a breve un affascinante tappeto sul  terreno.

Uno spettacolo da non perdere!

lunedì 27 maggio 2024

Cagliari, la città della Jacaranda

 Cagliari può essere definita in tanti modi, ma quello del titolo è uno dei più piacevoli, soprattutto in questo periodo, quando la città si riempie dei fiori celesti della Jacaranda mimosaefolia, sulla pianta, per terra, o ancora in aria, quando ci piovono addosso, o cadono sul parabrezza dell'auto.

E' uno spettacolo che non si può perdere, e sicuramente non si perdono i turisti, che rimangono a bocca aperta; lo spettacolo risalta ancora di più dato che i fiori precedono le foglie, e nascono sugli scheletri invernali delle piante.

Per celebrare la città colorata di celeste, pur avendone parlato tante volte,  sono andato quest'anno in via Venezia, una delle tantissime vie cittadine adorne di questi alberi, ed ecco la situazione qui sotto.


Questa via è l'ideale prosecuzione della via Firenze, anch'essa addobbata con le Jacarande, come tante altre vie: basti citare via Pessina, Largo Carlo Felice, via Dante.....; infatti la Jacaranda è uno dei 3 alberi più presenti in città, insieme ai Ficus retusa ed ai Pini d'Aleppo.


Ricordo poi che lo spettacolo della fioritura si ripete in autunno, uguale ma diverso, dato che le piante sono allora fogliate; comunque altrettanto bello!


lunedì 20 maggio 2024

Non solo fiori, ma anche coni e pigne!

 Nelle ultime settimane vi ho presentato diversi alberi fioriti (Perastro, Robinia, Eritrina, Bauinia), tutti appartenenti alla divisione delle Angiosperme, cioè delle piante dotate di fiore ai fini riproduttivi. 

Ho quindi fatto uno sgarbo all'altra grande divisione delle piante, le Gimnosperme, che non producono fiori ai fini riproduttivi, ma coni, sia maschili che femminili, generalmente disposti sulla stessa pianta.


Allora oggi, a fini riparatori, vi offro la fotografia di un giovane cono femminile di un Cedro himalayano, Cedrus deodara. Questo cono evolverà nella pigna a barile tipica dei Cedri (post 12/12/11 )  che rilascerà successivamente i semi alati.

Certo, l'impatto visivo non è quello di un fiore di Eritrina o di Chorisia, ma il barilotto profumato di resina ha comunque un suo fascino, e la pianta del Cedro, di tutte le specie di Cedro, è bellissima (post del 2/7/13  p.es.), anche se non molto confacente alla nostra città. 

In definitiva, ammiriamo gli alberi che fioriscono, ma non dimentichiamo gli altri, grande famiglia della quale fanno parte, oltre al Cedro, il Ginkgo, il Tasso, il Ginepro, solo per citarne alcune!   

venerdì 10 maggio 2024

Un nuovo bell'esemplare di Tiglio

Il Tiglio è un albero al quale sono molto affezionato, per la bellezza delle foglie e delle brattee, il portamento elegante e le dimensioni maestose che può raggiungere.

E' un albero con un ruolo importante in molte città d'Europa, basti pensare a molte piazze di Parigi (post del 29/7/14)  o al famoso viale di Berlino Unter den Linden, dedicato a questi alberi.

Cagliari non può permettersi esemplari di Tilia europaea o vulgaris confrontabili con i fratelli del nord Italia o di altre città europee, a causa del suo clima, come avevamo già notato fin dal 2010 (post del 1/11/10); ma, forse proprio per questo, dobbiamo apprezzare gli esemplari che abbiamo, siano essi in via Del Sole (post del 2014 già citato) o nel viale che conduce al parco di Terramaini (post del 16/5/12) o nella strada che porta a Selargius (post del 2/9/17).

Ed è con questo spirito che vi presento un nuovo esemplare, che ho scoperto di recente.


Eccolo a sinistra: si trova all'inizio di viale Marconi, e precisamente nella piazza  Galleppini (nome conosciuto, ritengo, solo dai condomini dei palazzi che si affacciano sulla piazza medesima), a destra poco dopo l'incrocio con via Sarpi e poco prima dell'incrocio con via Galvani.

Come si vede è un esemplare abbastanza giovane, come si deduce dal diametro del tronco, ma alto e ben formato, diverso da quelli che troviamo nelle strade citate in precedenza, che hanno una chioma tondeggiante.

Insomma è già piuttosto grande e crescerà ancora, essendo un albero libero e non costretto in spazi modesti, come quelli che troviamo normalmente in città; potrà addirittura puntare a superare l'esemplare che io ho battezzato per essere il più alto di Cagliari, fotografato nel post citato del 2017, che però è privato.


Nel particolare della foto a fianco si possono apprezzare le giovani foglie eleganti con il margine finemente seghettato e, anche se non sono ancora ben evidenti, alcune brattee, da cui prenderanno corpo le infiorescenze. 

Più avanti, durante la stagione estiva, le foglie assumeranno un colore più scuro, ed il contrasto con le brattee che rimarranno chiare apparirà più evidente. 

Insomma un albero che vale la pena di andare a trovare, anche se la visita richiede quattro passi in più, data la posizione scomoda nel viale Marconi! 


     


venerdì 26 aprile 2024

Le Bauhinie giovinette

 Il titolo di oggi si aggancia al precedente del 2019 (post 20/5/19), quando vi ho presentato nuovi rappresentanti cagliaritani di Bauhinia variegata, situati in via De Gioannis ad abbellire lo slargo piazzetta già abbastanza gradevole con le sue aiuole.


Ecco una immagine della piazzetta, con sullo sfondo, al bordo strada, i quattro alberelli fioriti, alternati a fiori bianchi e rosa.

Queste giovinette sono destinate a sostituire, come esemplari di città, quelle di viale Colombo/piazzetta Zedda (post del 3/12/10, del 3/5/11), che, come notato nei post citati, sembrano arrivate alla fine del loro ciclo vitale, anche a causa della posizione disgraziata ed all'inquinamento da traffico.




Ecco un particolare della fioritura di uno dei giovani esemplari rosa, che si accompagna purtroppo con un cattivo stato delle foglie, caratteristica tipica di molte piante di origine subtropicale. Le foglie, belle e particolari con la loro forma a due lobi, verranno successivamente, e dureranno anche per parte del nostro inverno, facendosi perdonare per la attuale mancanza. 

Una notazione di attenzione per i nostri giardinieri comunali: i tutori di questi alberelli non sono adeguati al nostro vento, che rischia di abbatterli, dato che una pianta risulta già piegata; vi prego di intervenire, prima che sia tardi. 

Tornando alle foglie ed al loro aspetto attuale: pazienza, per ora godiamoci queste Bauhinie così, che è comunque un gran belvedere!


venerdì 19 aprile 2024

L'esplosione dei fiori di corallo

 Questo post è l'ideale ripresa di un post di qualche anno fa (post del 20/4/20), che nel periodo della tragedia del Coronavirus mi aveva fatto scoprire un nuovo esemplare di Erythrina caffra; isolato e sperduto, ma bellissimo e con i fiori ad altezza d'uomo.

E allora, perché non approfittare anche quest'anno della sua esplosione di fiori di corallo?

Eccoli qui i fiori corallini, che si fanno ammirare in tutto il loro splendore, prescindendo dal contorno di una landa tuttora abbandonata e piena di rifiuti.

Questo albero merita certamente un contorno migliore; io spero che la presenza di cittadini, attirati dalla bellezza dei suoi fiori e magari allungando la passeggiata effettuata al parco "Equity", che ha una uscita proprio su questa landa, stimoli chi di dovere ad un intervento di ripulitura, anche a prescindere dall'apertura dello svincolo.

Ricordo infine alcune altre Eritrine di questa specie, trattate dal blog e presenti in città: dal maestoso esemplare del Corso Vittorio Emanuele a quello di via De Gioannis, fino agli esemplari di Monte Claro. 
 


domenica 14 aprile 2024

Quando la Robinia ci chiama

Quando la Robinia, Robinia pseudoacacia, ci chiama, e cioè in aprile, è impossibile resisterle. Sì, ci chiama con i grappoli di fiori bianchi, che la rendono elegantissima, almeno per un mese all'anno.

Ve la ho presentata tante volte (per esempio post del 14/4/20 , fra i tanti che partono dal 2010) ma, come dicevo, alla sua fioritura è impossibile resistere.



Per non essere ripetitivo, vi offro però un esemplare nuovo, che si trova in via Vidal, di fronte al parco di Monte Urpinu, al confine di un condominio.

Ricordo che i fiorellini sono gradevolmente profumati ed apprezzatissimi dalle api che producono da questi fiori il miele detto erroneamente di acacia, che è la famiglia di alberi alla quale la foglia della Robinia assomiglia, come dichiarato nel nome.



Ed ecco un bel primo piano dei fiorellini e della foglia composta, che mette in evidenza la delicatezza del singolo fiore papilionaceo; questa fotografia non è mia, ma è tratta dal sito Repubblica.it.

giovedì 4 aprile 2024

La primavera delle nostre campagne

 Quest'anno la primavera nelle campagne del sud Sardegna si è presentata in maniera brillante, date le temperature non molto alte ed una certa piovosità che ancora non ha provocato l'ingiallimento che ben conosciamo.

Oggi vi porto nelle campagne di Sant'Andrea Frius, paese della Trexenta non troppo lontano dal capoluogo, dotato di campagne molto belle e collinose, piacevoli da un punto di vista paesaggistico. 

Ecco allora alcune immagini tipicamente primaverili di queste campagne.


Qui, in un terreno verdeggiante, troviamo un alberello di Perastro, Pyrus pyraster, detto anche Pero selvatico (post del 27/3/12),  che espone i suoi delicati fiorellini bianchi pieni di fascino.

Al Pero tengono buona compagnia una grande quantità di Asfodeli, Asphodelus ramosus, (post del 20/4/15 ed altri) che, ancorché spesso siano un

segno di degrado del terreno, sono comunque un segno piacevole.




  
Tornando ai fiorellini del Perastro, ecco una immagine ravvicinata che mette in evidenza la loro delicatezza. Rileggendo il post del 2012 citato, ho sorriso ritrovando l'accostamento di questa fioritura con quella dei Ciliegi giapponesi; un po' azzardata sicuramente, ma quando si tratta di difendere il nostro orgoglio di sardi .........



E ancora, sempre a proposito di fiorellini, ecco   l'iniziale fioritura di un Biancospino, Crataegus monogyna, arbusto spontaneo che vi ho presentato per la prima volta nel lontano 2011 (post del 13/4/11).

Possiamo notare i bei boccioli sferici dei fiori che verranno, le bacche rosse dell'anno scorso, le foglie lobate ed incise che consentono un riconoscimento immediato, essendo simili a quelle del prezzemolo.  

Insomma, una volta di più possiamo affermare che le nostre campagne meritano qualche passeggiata primaverile, per lucidare occhi e cuore, e magari raccogliere qualche asparago, che non guasta!


sabato 30 marzo 2024

I Carrubi di piazza Islanda chiedono aiuto!

 Il Carrubo, Ceratonia siliqua, è una pianta notissima e ben presente in Sardegna allo stato naturale (anche se non è endemica dato che arriva dal Medio Oriente), ed a Cagliari proveniente dai vivai, utilizzata spesso dai gestori del verde pubblico per il decoro urbano. Basti pensare al bellissimo esemplare di piazza Garibaldi, che allieta con il suo giovane fratello il passeggiare dei cagliaritani in questa centralissima zona.

Ma anche ben presente in zone  più defilate, come per esempio in piazza Islanda, a Genneruxi. E proprio di questi Carrubi parliamo oggi, perché sono sofferenti e chiedono aiuto agli specialisti, affinché li curino ed assicurino la loro sopravvivenza.

Guardate questo bellissimo esemplare, che si affaccia su via Stoccolma, del quale abbiamo già parlato (post del 27/3/20). C'è qualcosa che non va nella sua chioma, vi pare? Molti rami secchi, privati delle foglie. Cosa gli sta succedendo? Io non sono un esperto, ma so che il Carrubo è un albero robustissimo, teme solo le gelate ed il ristagno idrico, e non è certo questo il caso.


Che si siano ripresentati i malefici topi,  che masticano la corteccia, bloccano l'apporto della linfa e provocano la morte dei rami? E' probabile, dati i precedenti (post del 9/4/16  e del 28/12/16).

Tutti gli esemplari di questa bella e frequentata piazza sono stati colpiti, chi più chi meno: guardate quest'altro esemplare, che si affaccia su via Costantinopoli, in che condizioni si trova!



Tanti rami completamente privati di foglie e di vita, che sembrano chiedere aiuto al cielo. Ma non è dal cielo che deve arrivare l'aiuto ma dalla solerzia dei nostri giardinieri comunali che, verificato che si tratti nuovamente dei topi, provvederanno di conseguenza con le opportune azioni per la ripresa di queste gloriose piante, che non meritano certo questo attacco da parte dei malefici topi!

Spero che questo post venga letto da qualche rappresentante del nostro verde pubblico, che abbia la volontà ed il potere di programmare un intervento, che venga posto in atto al più presto; direi che glielo dobbiamo, a questi meravigliosi compagni di strada! 


lunedì 25 marzo 2024

Chi vincerà il braccio di ferro?

 Iniziamo in maniera spiritosa questo post, per un  argomento che purtroppo spiritoso non è, perché concerne la (mancata) manutenzione dei beni architettonici della nostra città, a cominciare da quelli più amati da cagliaritani e turisti.

Il braccio di ferro del titolo, come si coglie facilmente dalla foto, riguarda un vecchio Pino d'Aleppo, Pinus halepensis, ed un tratto della bella balaustra che protegge dalla sottostante via San Saturnino.
Il Pino, e soprattutto questa specie di Pino, ama mettersi storto; così ha fatto questo esemplare, si è messo storto e spinge, con una azione lenta ma inesorabile. Non sarà domani né il mese prossimo, ma certamente vincerà lui, facendo crollare a terra il blocco di granito, sempre che non si intervenga prima per sistemare la faccenda in modo incruento per i contendenti.

E qui si innesta la parte non spiritosa dell'argomento, cioè la mancata manutenzione del Terrapieno. Sono tante le parti trascurate, dalle lastre del pavimento staccate alle scritte mai cancellate, dalle transenne eterne ai tratti di balaustra interamente crollati, e si potrebbe continuare a lungo. 
Normalmente si dice che ai politici piace inaugurare ma molto meno gestire, ma forse in questo caso non è del tutto vero: è così importante il Terrapieno che forse basterebbe un piano di intervento di medio termine ma ben organizzato in obiettivi parziali, correttamente presentato e seguito da risultati via via raggiunti e ben messi a conoscenza dei cittadini, per fornire l'agognato ritorno in termini di immagine, e magari di voti, per i nostri amministratori comunali. O sono troppo ottimista?



Non voglio comunque angustiarvi con altre immagini di degrado; chiunque, con una passeggiata in Terrapieno, comunque bellissima, può rendersi conto di persona della situazione.

E allora chiudiamo con una immagine di ripresa primaverile, dato che la Natura poco si preoccupa delle piccole miserie umane e continua a produrre la sua bellezza: ecco un gruppo di fusti fiorali di esemplari di Agave americana, che si preparano alla affascinante fioritura estiva (post del 20/7/15). Come dicevamo nel post citato, l'Agave si riscatta in questo periodo, con questa sorta di alberelli porta-fiori, dei suoi difetti e della antipatia con cui spesso è guardata; godiamoceli, dunque, questi alberelli, dopo aver guardato le bruttezze del degrado dei manufatti trascurati!  



domenica 10 marzo 2024

I meravigliosi Ficus (momentaneamente) recintati

 I Giardini Pubblici sono il parco urbano forse più noto della città, dove intere generazioni di cagliaritani sono cresciute correndo e giocando, apprezzando prati ed alberi secolari, frequentando la Galleria comunale d'arte. Uno dei simboli della città, come tale curato e manutenuto con particolare attenzione.

Anche il blog ne ha parlato tante volte, naturalmente con riferimento agli alberi, arbusti e fiori presenti;  l'ultima occasione (post del 18/1/24) è quando ho grandemente apprezzato l'inserimento di alcune etichette di riconoscimento, attribuite ad alcuni degli alberi più significativi presenti nel parco, fra cui naturalmente i due maestosi Ficus magnolioides/macrophilla. 

Ma non è delle etichette che vi parlo oggi, bensì della recinzione provvisoria in nastro plastico che cinge i Ficus lungo tutto il perimetro, come si vede dalla fotografia.

Pare che i lunghissimi rami abbiano qualche problema di tenuta, agli eventi atmosferici o al trattamento degli umani, per cui, visto anche il recente evento del grande fratello della Darsena (post del 16/5/23), si è correttamente proceduto ad isolare tutta l'area.  


In quest'altra foto, presa sempre dal lato del viale San Vincenzo, vediamo che si è proceduto all'inserimento di sostegni, che svolgono il ruolo normalmente svolto in natura dalle radici colonnari.

Tutto bene, quindi? Sì, purché finiti i lavori di messa in sicurezza (nonché inseriti gli opportuni cartelli di attenzione e se necessario impedito l'accesso a qualche piccola zona) questa area venga restituita alla fruizione dei cittadini, che possano continuare a godere, come concludevo nel post citato,  di queste meraviglie anche dall'interno. 

Insomma, per farla breve, spero che non si faccia qui quello che si è fatto in piazza Matteotti nel 2020 (post del 20/7/20), anno in cui la piazza è stata recintata e nessuno ha più potuto frequentarla all'interno (della futura sistemazione definitiva non so, mi auguro che si ripari a questo sgarbo!).

 

mercoledì 6 marzo 2024

Un enorme, elegante Cipresso cittadino

 Non ci capita spesso di imbatterci, mentre camminiamo nelle strade cittadine, in alberi molto grandi e normalmente solitari; non siamo preparati, contrariamente a quando andiamo per Parchi, e tanto più queste piante ci sorprendono.

Così è successo a me l'altra mattina, quando ho incontrato questo Cipresso "stradale".


Siamo in via Tommaseo, non lontano dal viale Marconi, e ai bordi di uno spazio condominiale si erge questo gigante, almeno per i nostri parametri; basta confrontarlo con l'altezza delle palazzine, o con le auto a bordo strada per rendersi conto della dimensione, che dovrebbe essere intorno ai 15 metri.

Dovrebbe trattarsi di un Cipresso dell'Arizona, Cupressus arizonica, albero del quale vi ho parlato qualche anno fa (post del 21/1/19)  con riferimento ad alcuni esemplari presenti a Monte Urpinu, al confine con via Garavetti.



In questa altra immagine vediamo il Cipresso nel suo insieme, e possiamo notare il portamento colonnare e la chioma conica compatta e ramificata fino dalla base del tronco.

Un esemplare veramente peculiare, tanto più se si considera che i Cipressi sono soggetti a diverse malattie, fra le quali il "Cancro del Cipresso", che ha fatto tantissime vittime anche in città.

Speriamo dunque che questo elegante esemplare di via Tommaseo sia destinato ancora ad una lunga e sana esistenza, e continui a sorprenderci quando passiamo da quelle parti!

lunedì 19 febbraio 2024

Gli alberi strangolatori, nei templi cambogiani

 Oggi vi porto molto lontano, e precisamente in Cambogia, nell'estremo est asiatico. Me ne dà l'occasione Stefano, che sta compiendo un viaggio di piacere appunto da quelle parti, e che mi ha mandato alcune fotografie, per le quali lo ringrazio.

Ci troviamo nel nord ovest della Cambogia, e precisamente ad Angkor Wat, un enorme tempio religioso, il più visitato del paese e patrimonio mondiale dell'Unesco.

E, naturalmente, non ci occupiamo del valore culturale e storico di questo sito, della civiltà Khmer e della sua architettura ma degli alberi che ci vivono, enormi e di grande impatto.

Eccone uno, che appare "spalmato" su un tempio in rovina, quasi come un animale preistorico.

A quali alberi ci troviamo di fronte? Devo dire che qui regna una buona dose di confusione; questi alberi hanno il nome comune di alberi strangolatori, per la loro attitudine di vivere a spese di altri alberi, ai quali si appoggiano fino a strangolarli, per poi crescere in autonomia.

Fra gli alberi strangolatori vengono in realtà annoverate diverse specie di alberi, compreso, pensate, il nostro Ficus magnolioides!  

Sicuramente fra gli alberi che vivono ad Angkor Wat ci sono dei Ficus, dal Ficus altissima al Ficus benghalensis al Ficus tinctoria , ma una pianta che vive sicuramente in mezzo a questi templi non è un Ficus, ma il Tetrameles nudiflora, di cui facciamo conoscenza oggi.


Ecco un altro esemplare di Tetrameles che, consapevole della forza con la quale è abbarbicato alla struttura del tempio, pur cadente, sale fino a forse 25 metri.

Naturalmente questi alberi non possono essere lasciati crescere come vogliono, ma sono curati da squadre di giardinieri acrobati, che evitano che queste meraviglie possano essere velocemente soffocate dalla natura e riportate alla condizione di quasi invisibilità, come questi gioielli in pietra vennero scoperti dagli occidentali, a metà dell'800. 
 

giovedì 15 febbraio 2024

Sono piegato, ma resisto

Abbiamo parlato più volte del Pino d'Aleppo, Pinus halepensis, sia per la grande quantità di esemplari presenti in città, sia per le sue caratteristiche peculiari, fra le quali la propensione a piegarsi o a crescere storto.  Se solo pensate al viale Diaz, o al viale Buoncammino, o alla via Borgo Sant'Elia, solo per citare alcuni esempi, sapete di che cosa stiamo parlando.

E naturalmente questa specie di Pino è presente nei parchi, ed in particolare nel parco di Monte Urpinu, dove questi alberi hanno fra l'altro un legame affettivo con generazioni di scolari, che ne hanno piantati a centinaia  in occasione della Festa degli Alberi, festa recentemente risorta anche se con altre forme.

E proprio un esemplare di Pino d'Aleppo del parco di Monte Urpinu è quello che vi presento in foto, alto e fortemente piegato, anche se ancora in piena forma vegetativa.

Nel caso specifico a piegarlo non è stata probabilmente, o non solo, la sua propensione, ma le raffiche di vento, che ogni tanto riescono ad abbattere questi alberi, sia che soffino da nord che da sud (post del 3/4/15  e del 24/1/17).

Insomma, i Pini d'Aleppo cagliaritani, ma naturalmente non solo loro, ogni tanto subiscono delle perdite; bisogna però dire che il Comune di Cagliari negli ultimi anni ha messo in pista interventi di riforestazione urbana, soprattutto nel nostro parco cittadino, che compensano ampiamente le perdite subite.

Proprio la zona nella  quale vive e pende il nostro esemplare odierno, settore sud, ho visto una nuova piantumazione, che risale forse a due anni fa; ottima iniziativa!

  



martedì 6 febbraio 2024

Uno squarcio di bellezza, nell'ordinarietà quotidiana

Andando a fare la spesa, nel market di via Pasteur, in un momento di grigia ordinarietà quotidiana, sulla rampa appare in questi giorni una massa di colore giallo intenso, che attrae irresistibilmente lo sguardo e mette di buon umore:  la fioritura invernale di una Acacia dealbata.


Eccolo qui l'esemplare di cui parliamo: un piccolo albero, bruttino, ficcato in mezzo al cemento; non meriterebbe alcuna citazione, se non fosse per la bellezza dei racemi di capolini giallo limone.

Questa specie di Acacia è la prima a fiorire da noi (post del 9/1/11), e sarà seguita a marzo dalla più comune Acacia saligna, e, in piena estate, dall'Acacia horrida. 

Abbiamo parlato più volte di questa fioritura (p.es. post del 9/2/14  e del 18/2/16), per la sua bellezza intrinseca e per il periodo dell'anno nel quale si offre al nostro sguardo; il suggerimento è quindi di andare a cercare e godersi questo giallo, anche se non necessariamente in connessione con la spesa al market!


martedì 30 gennaio 2024

Le succulente dell'Orto Botanico, e non solo

 Le piante grasse (meglio dette succulente), croce e delizia per chi non sia uno specialista della materia, o un appassionato di lungo corso dotato di appropriato giardino, sono comunque una famiglia di grande fascino, caratterizzata dall'adattamento alla vita quando il clima è arido.

Fusti ingrossati e carnosi, tessuti "succulenti", peluria protettiva, foglie trasformate in spine, minima superficie esposta al sole rispetto al volume interno, sono tutte caratteristiche che accompagnano questa famiglia di piante.

Ho parlato di croce e delizia con riferimento alla stragrande maggioranza di chi apprezza queste piante, ed io fra questi, ma che non è in grado di individuarle con precisione, non avendo studiato per bene le loro caratteristiche e gli elementi di distinzione fra le varie tipologie.

La mia ignoranza ha prodotto pochi post dedicati alle piante succulente; per fortuna che in città abbiamo lo splendido comparto delle succulente all'Orto Botanico (post del 18/3/14) che ci consente visite piacevoli e di grande impatto estetico; in una successiva occasione avevo presentato il giardino di un albergo di Pula (post del 14/10/16); per il resto, veloci incursioni (p.es post del 4/5/20) e poco più.

Allora oggi torniamo all'Orto Botanico, del quale vi propongo alcune fotografie con brevi commenti, che vogliono essere un invito per i lettori ad una visita in proprio, a godere dello spettacolo.


Ecco una famiglia di Echinocactus grusonii, che giustifica in pieno il termine familiare di piante grasse per indicarle.





Vista di insieme del comparto, che consente di mettere a raffronto i modi profondamente diversi di presentarsi delle varie tipologie: colonnare, sferica, a rosetta di foglie spinose ...




E guardate questa, della quale non conosco il nome per mancanza del cartellino: sembra un grande carciofo, ed è bellissima nella sua simmetria!


E ancora, il particolare di un fiore, in gennaio: le varie specie di piante succulente fioriscono in periodi diversi, per cui con opportune scelte si possono ottenere fioriture in tutti i periodi dell'anno.

Qui possiamo notare anche la peluria, che protegge il fusto dall'eccessivo calore del sole. 


Da tutto quanto detto si deduce che le succulente danno il loro meglio quando sono in gruppo ben assortito e quindi in spazi piuttosto ampi, e forse questo è il motivo per cui non sono molto comuni nei giardini cittadini, sia pubblici che privati; questo non significa che non ci siano, per esempio in giardini condominiali, come questa che vi presento.



Si trova in un giardino di piazza Svizzera, a Genneruxi, e si tratta di un grande esemplare di Kalanchoe beharensis, che si prepara a fiorire e che vi avevo già presentato (post del 17/12/16).

E non dimentichiamo, naturalmente, la Beaucarnea (già Nolina) recurvata, di cui abbiamo parlato diverse volte, caratterizzata da fusto ingrossato alla base.

Insomma, bisogna un po' cercarle, ma anche in giro per la città le piante grasse ci sono e si fanno apprezzare!

giovedì 18 gennaio 2024

Le prime etichette ai Giardini Pubblici, evviva!

I miei lettori sanno, almeno quelli più affezionati, quanto io tenga alle etichette di riconoscimento degli alberi, a cominciare da quelli più significativi. Ho sottolineato l'importanza di questo aspetto più volte, gioendo per i segnali positivi (post del 2/2/17)  e lamentandomi per l'assenza o l'incuria nella manutenzione delle etichette esistenti (11/11/22, fra gli altri).

Figuratevi quindi il mio compiacimento quando pochi giorni fa, nell'ultima mia visita, ho trovato alcune etichette inserite ai Giardini Pubblici, e devo dire anche ben fatte!

Ecco un esempio, relativo alla vecchia e gloriosa Gleditsia triacanthos, che vive a destra in fondo al viale, e che già era stata apprezzata e descritta dal grande Siro Vannelli. Oggi ricordato (oltre che per il parchetto del quartiere Fonsarda) da una targa proprio qui ai Giardini.

Questa Gleditsia è stata naturalmente oggetto della nostra attenzione, già ai primordi del blog (post del 13/11/10, poi ancora successivamente); riportavo alcune peculiarità di questo particolare esemplare, già notate del Vannelli (legume più corto,  foglioline più lunghe, assenza o quasi di spine .....), che ipotizzava si trattasse di un ibrido. Oggi forse l'ipotesi diventa una certezza, dato che il cartello la classifica con il nome Gleditsia triacanthos inermis Fassett, dove l'ultimo nome probabilmente si riferisce al botanico che ha certificato il nome del cultivar.

Mi sono dilungato e me ne scuso, ma questo dimostra l'interesse che può nascere dalla lettura di queste etichette, quando sono fatte bene.

Comunque le etichette non riguardano solo la Gleditsia ma anche i meravigliosi Ficus magnolioides ed un vecchio esemplare di Jacaranda mimosaefolia. E' un primo passo, e riguarda giustamente gli alberi più importanti, dichiarati esemplari monumentali; speriamo che si prosegua con tutte le piante, come all'Orto Botanico, magari con cartelli più semplici, anche targhette attaccate ai tronchi, purché sia!

Per non caratterizzare troppo come didascalico questo post, termino con alcune altre foto di piante dei Giardini Pubblici che, devo riconoscere, ho trovato ben curati ed ordinati; lo riconosco volentieri, dato che spesso non sono stato tenero nei giudizi attribuiti agli amministratori del verde pubblico.





Una foto curiosa, che riprende i frutti di una Palma, e precisamente una Brahea armata, di cui i giardini ospitano alcuni esemplari. Ricordo che uno splendido esemplare, citato nel blog, si trova nei giardini di Sgaravatti, sulla s.s. 195.



E questo, lo ricordate dai post che gli ho dedicato, è il vecchio Carrubo che era stato gravemente ferito dalla spinta della scultura metallica che si appoggiava su di lui e che, per fortuna, adesso riposa adagiata a terra.
Il Carrubo è sostenuto da una grossa struttura metallica che si intravede in foto; è comunque molto malmesso, bucato e vuoto all'interno. Però è vivo, e questo ci basta. 



Infine, l'enorme ammasso di fogliame dei due splendidi Ficus magnolioides/macrophilla; alberi godibilissimi non solo dall'esterno, ma anche dall'interno, dove si apprezzano fra luce ed ombra  le enormi branche prostrate e le mostruose radici tabulari. Un vero spettacolo!


   

lunedì 8 gennaio 2024

Il nuovo viale Buoncammino ed il suo verde

Voglio subito sgombrare il campo dagli equivoci: a me l'intervento di riqualificazione effettuato sul viale Buoncammino e sulle piazzette che in qualche modo gli appartengono, piace: è sobrio nei materiali e nelle geometrie arboree, ma non sono tempi nei quali ci si possa concedere dei lussi; è rispettoso delle specie arboree presenti; è generoso nella dotazione di panchine e nel dimensionamento delle aiuole, grandi anche per ospitare al meglio i vecchi Pini d'Aleppo ancora in grado di farci compagnia.

Certo, alcune scelte si prestano anche a critiche, delle quali vi parlerò con l'aiuto di alcune foto, ma, ripeto, nell'insieme mi sembra un intervento ben riuscito. 

   
Ecco la base del grande Ficus magnolioides (post del 8/7/15, fra gli altri). Qui, oltre alla bellezza del panorama sullo sfondo, notiamo gli spazi dedicati al grande albero ed un problema, che si ripresenta tale e quale nei lavori del 2023: la pacciamatura non ricopre più completamente il sottostante telo geotessile, lasciando una impressione negativa sull'insieme.







La foto a destra riprende il primo tratto del viale Buoncammino, anch'esso riqualificato nel 2015, con i filari dei Bagolari, Celtis australis, e le panchine in buon numero. Rimando ai post del 2015 che volesse saperne di più.




Qui incominciano i lavori del 2023; siamo nello slargo all'incrocio con via Anfiteatro; si notano i vecchi Pini d'Aleppo inseriti in grandi aiuole e, sullo sfondo, la siepe di Pitosforo che segue l'imbocco della medesima via.






Ecco ancora le grandi aiuole che contengono i vecchi Pini, opportunamente ripuliti; si nota la pavimentazione di due diverse tipologie.





Questo esemplare forse doveva essere sostituito; sembra comunque che ci sia già il sostituto pronto a prenderne il posto. Questo ci consente di dire che non hanno esagerato con le eliminazioni, come altre volte è capitato.



 Qui vediamo il Pino semi-coricato e quello proprio coricato (post del 19/10/15)  della piazzetta Marongiu Pernis, nello slargo finale del viale che guarda verso Is Mirrionis.

In questo caso, e con riferimento alle conclusioni del post del 2015 appena citato, mi fa piacere essere smentito; sostenevo che sarebbe stato eliminato, ed invece è ancora lì a dimostrarci che può essere bella anche la sua seconda vita orizzontale!

La principale critica che faccio a questo intervento riguarda il tipo di pacciamatura utilizzato, come si vede dalle foto: è un materiale troppo leggero, e temo che fra il nostro vento, i giochi di qualche cane lasciato libero o di qualche bambino indisciplinato, la inciviltà di qualche adulto maleducato, tutto questo farà sì che una parte di questo materiale sarà presto sparsa sulla passeggiata, con effetti peggiorativi sulla qualità della passeggiata medesima; inoltre verrà messo a nudo il sottostante telo geotessile, come già succede in qualche punto, e non è un bel vedere.

Insomma, al solito le conclusioni sono: per i gestori del verde pubblico, cura e ripresa dei pezzi di corteccia sparsi sul pavimento, fra gli altri interventi gestionali; per i frequentatori della passeggiata, educazione e mantenimento  dell'attuale decoro e pulizia. 

Cerchiamo di fare durare questo "stato di grazia" di un luogo bello ed amato da cagliaritani e turisti, attualmente pulito e privo di scritte e geroglifici vari, nonché di spazzatura gettata nelle aiuole, il più a lungo possibile!