Oggi il cesto dei post propone...

Oggi il cesto dei post propone...

Alberi rari in città

lunedì 2 luglio 2012

L'Oleandro fiorito ed il benessere

Inizio questo post, volutamente,  con la fotografia anonima di un qualsiasi  Oleandro fiorito, fra le migliaia che abbelliscono la città in questo periodo: abbelliscono le strade, le piazze, i parchi, i giardini condominiali, i giardini privati, i terrazzi; dovunque è una esplosione di fiori.

Siamo così abituati alla loro presenza, ed alla bellezza della loro fioritura, che spesso non li vediamo neanche più, come se non ci fossero: ecco, queste note vogliono essere un invito a guardare ed apprezzare consapevolmente gli Oleandri, per massimizzare la "quantità" di serenità e benessere indotta dalla  loro vista.

E' uno spettacolo gratuito, è dappertutto, dura molte settimane, è sempre uguale ma è anche sempre diverso, se valutiamo gli accostamenti di sfumature, dal bianco al rosa al rosso, che si alternano sui singoli alberelli o nelle spalliere degli esemplari a cespuglio addossati gli uni agli altri, secondo il calcolo di accorti giardinieri o la casualità della natura: insomma una meraviglia, ed uno splendido biglietto da visita per la Cagliari nostra e per quella  turistica che vogliamo.

Vediamo ora qualche indicazione specifica, fra le mille che si potrebbero fornire: naturalmente, e chi mi segue sa che ho una predilezione per questa strada, via Boccaccio (post del 30/10/10) è un trionfo di fiori, per gli Oleandri ad alberello. Guardate le foto qui sotto; in quella di destra spicca anche una bella Araucaria.









Per le spalliere me ne vengono in mente due splendide, una sull'asse mediano in corrispondenza del confine con il nuovo parco di Genneruxi, purtroppo ed inspiegabilmente ancora chiuso, ed una in viale Marconi, più o meno dirimpetto alla ex-Toseroni; una delizia per gli occhi, anche se passando in auto gli occhi non ci si possono soffermare! 

Ma, come dicevo all'inizio, è inutile fornire troppe indicazioni: lo spettacolo è dovunque, è gratis ed è per tutti, vero esempio di democrazia arborea!