Oggi il cesto dei post propone...

Oggi il cesto dei post propone... Alberi rari in città

post del 23 giugno 2011 - Aberia caffra
post del 27 settembre 2012 - Acer saccharinum
post del 11 agosto 2011 - Clerodendrum trichotomum
post del 25 gennaio 2011 - Ficus religiosa
post del 20 ottobre 2011 - Paulownia tomentosa

giovedì 12 marzo 2015

Il buffo Pomo di Sodoma

Alzi la mano chi non ha mai notato in campagna l'arbusto selvatico di cui parliamo oggi: è molto comune, ma soprattutto è reso attraente dai pomodorini gialli, che attirano immediatamente lo sguardo.

Si tratta del Pomo di Sodoma, Solanum sodomaeum, detto anche in sardo Pomodoro burdo.

Il nome italiano di questa solanacea rimanda a questioni bibliche, ed alla bacca velenosa che dopo la maturazione diventa nera e si dissolve in cenere, effetto  del fuoco sacro che distrusse Sodoma e Gomorra.


Al di là della pesante eredità biblica, il pomodorino giallo di questo arbusto, qui ripreso nelle campagne di Geremeas, ha indubbiamente un aspetto simpatico: lucido, piuttosto grande per lo standard delle nostre bacche, pendulo, attaccato ad un calice spinoso simile a quello dei pomodori.



Resta il fatto che questa bacca, a sinistra sezionata con evidenza della disposizione tipica dei semini, è tossica, per l'elevato contenuto dell'alcaloide solanina; quest'ultimo è peraltro presente in tante solanacee normalmente commestibili, come appunto pomodori, patate, melanzane, peperoni.