Oggi il cesto dei post propone...

Oggi il cesto dei post propone...

Le piante che scappano di casa

}

sabato 17 dicembre 2016

La Kalanchoe, orecchia di elefante

Vi presento oggi una nuova pianta succulenta, cosa rara per il blog data la mia ignoranza in materia; ma questa è piuttosto particolare, si trova in diversi giardini cittadini ed ha attirato la mia attenzione, così mi sono attrezzato per il riconoscimento.


Eccola qui, in un condominio di piazza Svizzera a Genneruxi: si tratta di una Kalanchoe beharensis, nota come Orecchia di elefante, per la dimensione e l'aspetto delle sue foglie.

Le foglie sono in effetti molto grandi, ricoperte di peluria e dall'aspetto vellutato.

Ma tutto questo esemplare è piuttosto grande, superando abbondantemente l'altezza di 1 metro che viene indicata come media per queste piante al di fuori del loro ambiente naturale.




Il giovane ramo ritratto a destra mette in evidenza le caratteristiche delle foglie, fra cui quella di essere "grassocce", come richiamato dal nome della famiglia di appartenenza, cioè le crassulaceae.



La Kalanchoe beharensis proviene dal Madagascar, e precisamente da una regione subdesertica di questa grande isola, che ha dato il nome alla specie.

Come si intravede nella prima fotografia, la pianta si prepara alla fioritura, indicando una volta di più l'avvicinarsi del nostro clima a quello tropicale tipico della grande isola di provenienza.