Oggi il cesto dei post propone...

Oggi il cesto dei post propone... Nascosti angoli verdi di città

post del 12 novembre 2012, via Caboni
post del 2 luglio 2012, via Boccaccio
post del 7 febbraio 2012, piazza Abbo
post del 31 gennaio 2012, campi sportivi ENEL
post del 7 giugno 2011, piazza Generale Basso

martedì 8 gennaio 2019

Il Grande Fratello nudo

Oggi torniamo sul luogo del misfatto, ovvero nello slargo di via Tel Aviv a Genneruxi, dove vivevano fino a qualche anno fa due splendidi esemplari di Pioppo bianco, Populus alba, un maschio ed una femmina.

Nel post nel quale li avevo eternati (post del 1/5/11) erano stati definiti i Grandi Fratelli, con riferimento scherzoso al "reality show"; poi uno è morto di morte violenta, cioè è stato abbattuto (post 4/5/14), e ne è rimasto uno solo. Temevo che anche per lui fosse arrivata la fine, invece per fortuna è tuttora vivo e vegeto, anche se attualmente in riposo invernale.

Eccolo qua a sinistra questo scheletro, il grande fratello nudo che mostra al cielo i rami spogli.

Pensate di quante migliaia di foglie si è liberato nel giro di poche settimane, da quando è arrivato un po' di freddo: e, se guardate in basso a destra, notate emblematicamente il triciclo del Comune e l'operatore che dovrà procedere, immagino per l'ennesima volta, a ramazzare foglie morte.

Certo per l'operatore non un lavoro piacevole, anche se molto migliore rispetto alla ramazza delle scorie lasciate dagli umani del sabato sera; per noi resta la bellezza dello scheletro, con i pregi ed i difetti degli alberi a foglia caduca.

A fronte dei disagi legati alla pulizia, infatti, pensiamo ai vantaggi del lasciar passare la luce quando ce ne è più bisogno, e poi schermarla quando il sole diventa troppo.

Poi consideriamo la bellezza  intrinseca dello scheletro, da me più volte evocata (p.es. post del 7/1/14) e, naturalmente, il fascino ed il mistero di come l'albero interpreta le stagioni, e ci restituisce per ciascuna un modo di apparire diverso.

Insomma, per me i pregi superano i difetti, almeno per gli alberi che si sanno spogliare, ed il Pioppo è uno di questi; lunga vita, dunque, al Grande Fratello Pioppo di via Tel Aviv!