Oggi il cesto dei post propone...

Oggi il cesto dei post propone... Alberi rari in città

post del 23 giugno 2011 - Aberia caffra
post del 27 settembre 2012 - Acer saccharinum
post del 11 agosto 2011 - Clerodendrum trichotomum
post del 25 gennaio 2011 - Ficus religiosa
post del 20 ottobre 2011 - Paulownia tomentosa

martedì 10 gennaio 2012

Come reagire alla spoliazione

Non è mia intenzione fornire suggerimenti  antidepressivi per i recenti provvedimenti del nostro governo, anche se, con un po' di buona volontà, la materia di cui parlerò può essere utilizzata come antidepressivo naturale.

Parliamo invece, naturalmente, degli alberi, e del fatto che molti di loro si spogliano durante l'inverno; al di là degli aspetti romantici e di bellezza di molti alberi nudi, è indubbio che la fase di riposo invernale può generare tristezza, soprattutto nel caso degli alberi che vivono con noi nelle nostre città e paesi.
 
Due tecniche adottate dagli uomini per tenersi vicino i colori durante la stagione invernale sono quella, ovvia, di  allevare alberi sempreverdi, magari che fioriscano in pieno inverno (il massimo!), oppure di sfruttare alberi spoglianti ma con frutti persistenti, che abbelliscano la pianta nuda.

Nella foto a destra vediamo le due tecniche poste in atto contemporaneamente:  ammiriamo la presenza di un albero di  Kaki  (Diospyros Kaki), con lo splendido effetto estetico delle bacche arancio appese, e due alberi del comunissimo Nespolo del Giappone (Eriobotrya Japonica), in piena fioritura.

A, dimenticavo: la foto è stata scattata a Sadali, 800 metri sul mare, alcuni giorni fa, con temperatura vicino a zero gradi.