Oggi il cesto dei post propone...

Oggi il cesto dei post propone...

Albizzia, via Machiavelli
Catalpa in fiore
Fiorellini di Parkinsonia
Sophora Japonica, via Cugia
Sterculia

lunedì 16 gennaio 2017

Cagliari ed i suoi contrasti invernali

L'inverno, temuto e desiderato, è arrivato anche da noi. A prescindere da qualsiasi considerazione sul freddo, che non è questa la sede per sviluppare, possiamo dire che per gli alberi è generalmente un bene, perché conferma i loro mutamenti legati al naturale avvicendarsi delle stagioni.

Ed allora gli alberi a foglia persistente, come per esempio il Carrubo, Ceratonia siliqua, il Leccio o i vari Ficus elastica, magnolioides, retusa, benjamina , si mettono tranquilli ad aspettare la primavera, e non mutano di molto il loro aspetto normale.

Per converso, gli alberi a foglia caduca "tradizionali", per esempio i Ginkgo biloba, la Chorisia, i Pioppi, gli Olmi terminano il loro denudamento, aiutati dal freddo e dal vento, riducono quasi a zero i processi vitali, ed aspettano anch'essi, con i loro scheletri spesso eleganti, la ripresa.

Poi c'è la terza categoria, quella dei "semi spoglianti", che tarda, non ne ha voglia, non ci crede che ci sia veramente freddo, e resiste. Esempio tipico la Jacaranda mimosaefolia, ma anche il Siliquastro o la Fitolacca.

A Cagliari c'è tutto questo, con una gamma indefinita di situazioni intermedie. 

Facciamo solo due esempi, estremi e spero significativi, ripresi oggi nel medesimo sito, il Parco della Musica.






Ecco un bellissimo Pioppo bianco, già trattato dal blog (post del 19/4/14 ed altri), al confine del parco con le scuole di piazza Giovanni. Nudo e bellissimo.
 



All'altro estremo, uno Schinus terbinthifolius, detto anche pepe rosa, con la sua chioma fitta fitta (post del 13/1/16, fra gli altri); lo Schinus t., come il suo cugino Schinus molle, è una pianta dioica, ed in questo esemplare espone orgogliosamente i fruttini, bacche aromatiche riunite a grappolo.

Più diversi e contrastanti di così!