Oggi il cesto dei post propone...

Oggi il cesto dei post propone...

Le piante che scappano di casa

}

domenica 15 maggio 2011

Il Parco della Musica

Il parco della musica è finalmente una realtà, una bella realtà. In termini relativi potremmo spingerci a definirlo una splendida realtà, in confronto con il nulla precedente e con i lunghissimi lavori di preparazione; in termini assoluti mi limito a definirlo una bella realtà, con qualche elemento di criticità. Dal mio punto di vista infatti alcune parti sono un po' troppo "finte", e la quantità di pavimento lastricato è eccessiva rispetto alle zone alberate.

Detto questo, e considerato che i giudizi estetici sono comunque personali, parliamo degli alberi che abbelliscono il parco. Un aspetto positivo, di cui va dato merito a progettisti e realizzatori, è che molti alberi sono stati piantati e seguiti da anni, quando il cantiere era ancora in alto mare, per cui oggi sono ben più che virgulti: guardate per esempio questa Chorisia Insignis (post del 31/10/10 e del 26/11/10), l'albero spinoso.

Ci sono poi dei bellissimi olivi, molti alberetti di Terebinto (Pistacia Terebinthus, post del 7/1/11),  molte eleganti Palme Alexandra (Archontophoenix Alexandrae, post del 29/1/11) ed altre specie.

Inoltre il parco sfrutta la presenza di alberi di confine, come il filare di maestosi Pioppi Bianchi (post del 1/5/11 ) che appartengono alla scuola di piazza Giovanni, ma la cui ombra tornerà utile per l'utilizzo del prato in estate. Eccoli qui sotto, a destra.


Sempre parlando di alberi di confine, ci sono altri scorci interessanti  verso
il museo della civiltà contadina (ex glorioso Istituto Agrario della città), che purtroppo non è interconnesso con il parco, e verso il parcheggio a pagamento del mercato, a cui il parco ruba l'immagine della bella fuga costituita dai  filari di enormi Ficus Retusa, come da foto sotto.

A questo proposito, sfido qualsiasi altra città italiana ad avere all'interno di un parcheggio un simile viale d'accesso ai posti macchina!




Per finire in bellezza, vi presento un piccolo e tenerissimo esemplare di Cedro, probabilmente dell'Atlante (Cedrus Atlantica, post del 20/12/10), che si trova a fianco all'ultimo ingresso  di via S'Alenixedda, vicino a piazza Giovanni.

Fa veramente tenerezza, piccolo come è ma già dotato della pigna (più correttamente cono) eretta, a dimostrare che è sano e vuole crescere: spero che venga tenuto nel debito conto da tutti noi, e dai gestori del parco, dato che, oltre a tutto, per Cagliari è un esemplare raro.