Oggi il cesto dei post propone...

Oggi il cesto dei post propone... Alberi rari in città

post del 23 giugno 2011 - Aberia caffra
post del 27 settembre 2012 - Acer saccharinum
post del 11 agosto 2011 - Clerodendrum trichotomum
post del 25 gennaio 2011 - Ficus religiosa
post del 20 ottobre 2011 - Paulownia tomentosa

giovedì 26 maggio 2011

Il Parco dell'Autonomia

Nello scorso gennaio, in un post nel quale mi occupavo fra l'altro della pianta Mangiafumo (post 17/1/11), mi chiedevo quando sarebbe stato messo a disposizione dei cagliaritani il giardino di villa Devoto, sede della presidenza della Regione Sarda. Ebbene, possiamo dire che questo è accaduto, o almeno si è aperta una breccia: infatti, come molti di voi sapranno, il parco dall'inizio di maggio è aperto al pubblico la domenica sera, in concomitanza con rappresentazioni musicali.



Il parco è sicuramente bello, e soprattutto è affascinante per i suoi dislivelli, i terrazzamenti, i piccoli slarghi romantici; senza volerlo sminuire, lo chiamerei più un giardino che un parco, e di un grande giardino ha anche le dimensioni. Un giardino antico, molto diverso dai parchi che siamo abituati a frequentare. Altre caratteristiche positive sono che possiede alcune piante molto particolari ed alberi molto anziani, e che (ottimo!) è dotato di etichette con i nomi delle piante, come si vede dalla foto sotto.


Purtroppo alcune zone sono interdette al pubblico, e la manutenzione delle parti più distanti dalla villa lascia a desiderare; inoltre, si ha sempre la sensazione di essere ospiti, ci si sente un po' a disagio.

Dopo le considerazioni di carattere generale, vediamo qualche aspetto di nostro specifico interesse; nel parco ci sono diverse spalliere di  Bignonia Tweediana (anche Bignonia Unguiscati), rampicante "tosto", che non si fa scrupoli ad arrampicarsi anche sui cipressi, come si vede dalla foto.

Questa Bignonia, come l'altra specie di cui abbiamo già parlato (Bignonia Radicans Flava post del 7/12/10) fa un bellissimo fiore giallo, che in cespugli ben esposti fa diventare la pianta una macchia di giallo omogeneo; ecco a destra un fiore di un cespuglio del parco, in primo piano:


Per ora mi fermo qui, per non appesantire il post, ma questo giardino merita di più, e gli dedicherò a breve una seconda puntata.