Oggi il cesto dei post propone...

Oggi il cesto dei post propone...

Albizzia julibrissin, via Machiavelli
Catalpa bignonioides in fiore
Fiorellini di Parkinsonia aculeata
Sophora japonica, via Cugia
Sterculia diversifolia

lunedì 4 luglio 2011

L'abusivo vestito a festa

L'abusivo del titolo è l'Ailanthus Altissima, albero al quale avevo affibbiato questo epiteto nel post del 23/11/10, in ragione della sua invadenza e capacità di prevaricare le altre forme di vita vegetale.

Non ho cambiato opinione, e questo albero mi ispira antipatia come una persona arrogante che invada e si appropri di spazi che non le competono; tuttavia, devo obiettivamente ammettere che in questo periodo gli Ailanti possono essere molto belli, quando si riempiono di frutti chiari che contrastano con il colore scuro delle foglie, e che spesso assumono affascinanti colorazioni rosate.

Ecco a sinistra un esemplare in viale Diaz, nell'Istituto Nautico: è un esemplare piuttosto grande e regolare, perchè probabilmente è stato tenuto a bada nella sua crescita tendenzialmente disordinata.

I frutti dell'Ailanto, samare alate lunghe e contorte, con il seme bilanciato al centro, sono in quantità notevolissima e riuniti in grappoli penduli; purtroppo moltissime samare rimangono sulla pianta dopo il breve periodo di splendore, dandole un aspetto brutto e triste.


In queste due foto si evidenziano la quantità e l'aspetto dei frutti.

Una curiosità: questo albero è anche noto come albero del paradiso, dal nome indonesiano; secondo me è un nome assolutamente inappropriato, e fra l'altro sbagliato, se è vero che la traduzione letterale parla di albero "così alto che può raggiungere il cielo".