Oggi il cesto dei post propone...

Oggi il cesto dei post propone...

Albizzia julibrissin, via Machiavelli
Catalpa bignonioides in fiore
Fiorellini di Parkinsonia aculeata
Sophora japonica, via Cugia
Sterculia diversifolia

mercoledì 3 agosto 2011

La Bougainvillea "albina"

Cominciamo dal nome. La Bougainvillea Glabra, pianta rampicante comunissima a Cagliari, non ha purtroppo un nome italiano più facile da pronunciare del nome scientifico, ma solo leggermente semplificato, Buganvillea; noi sardi siamo riusciti a semplificarlo un altro pochino, e la chiamiamo "Buganvill".

Dicevamo che è una pianta comunissima, tanto che sono stato indeciso se presentarvela, poi ho deciso di sì, considerando che spesso di molte piante, proprio perchè comuni, ignoriamo aspetti interessanti; inoltre anche le piante più comuni hanno spesso ibridi rari, come quello oggetto della nostra attenzione odierna.

L'aspetto più interessante di questa pianta è il fiore, o meglio quello che noi chiamiamo fiore, che è in realtà l'insieme del fiore propriamente detto (piccoli tubuli bianchi disposti in gruppi di 3) e delle brattee fogliari, sempre in gruppi di 3, che abbracciano i fiorellini e determinano, con il loro colore, l'insieme della splendida fioritura estiva della Buganvillea.

Insomma la natura, poichè i fiorellini della Buganvillea sono insignificanti e poco attraenti per gli insetti "pronubi", ha provveduto a modificare le foglie circostanti, dando loro l'aspetto di petali colorati ed attraenti, cioè attribuendo a queste foglie speciali quella che i tecnici chiamano funzione vessillare: che meraviglia! 

Veniamo ora all'esemplare odierno:

si trova in via La Vega, e le brattee hanno un brillante colore bianco (da cui il titolo), così diverso dai tradizionali colori viola o rosso.

Questa pianta fa parte di un giardino privato, ma deborda con una enorme e disordinata spalliera sulla via, proprio di fronte alla clinica S.Anna; non è possibile non ammirarla, anche solo passando in auto.
Come si vede, la fioritura è più tarda rispetto alla specie viola, che sta già perdendo le brattee; qui siamo ancora in piena esplosione, come possiamo apprezzare anche dal  primo piano sottostante, nel quale si nota che molti fiorellini-tubuli non si sono ancora aperti.
Ultima considerazione: la Buganvillea, così comune da noi, è una rarità nei climi più freddi, dove riescono solo a coltivarla in vaso. I turisti nordici, olandesi, tedeschi, inglesi etc. vanno in visibilio per le nostre fioriture di Buganvillee, così come di Oleandri: facciamocene un vanto, almeno per gli aspetti per cui possiamo!