Oggi il cesto dei post propone...

Oggi il cesto dei post propone...

Albizzia julibrissin, via Machiavelli
Catalpa bignonioides in fiore
Fiorellini di Parkinsonia aculeata
Sophora japonica, via Cugia
Sterculia diversifolia

lunedì 6 ottobre 2014

Le affinità elettive

Parliamo di affinità fra piante, naturalmente:  precisamente fra una pianta vecchissima che vive all'Orto Botanico di Padova e tante altre, al confronto bambine, che vivono da noi, anche allo stato spontaneo.
La grande vecchia di Padova e le bambine nostrane sono Chamaerops humilis, Palma nana o Palma di S.Pietro (post 28/11/10).

Ecco a sinistra la serra ottagonale che racchiude e protegge l'esemplare padovano; un gigante rispetto ai nostri canoni, alto circa 10 metri e della veneranda età di più di 400 anni, essendo stato messo a dimora nel 1585.



A destra una foto, ripresa dal basso, che fornisce una idea delle dimensioni di questa Palma; non sembra affaticata per gli anni vissuti, anzi appare piuttosto in forma.



In quest'altra foto è ripresa la parte più alta, e si vedono i tiranti che sorreggono i vari fusti; mi viene da considerare che senza questi sostegni non sarebbe certo arrivata a 10 metri di altezza, ed i suoi fusti avrebbero preso l'assetto prostrato semi-orizzontale che hanno da noi (vedi foto del post citato).

E' comunque una pianta bellissima, giustamente orgoglio del più antico Orto botanico italiano; purtroppo la serra, che la contiene a malapena, impedisce di godere della sua vista d'insieme e fotografarla intera, ma naturalmente su Internet si trovano foto decisamente migliori delle mie.

Veniamo infine al titolo del post, che sarebbe tirato per i capelli se non fosse che la Palma padovana è nota anche come Palma di Goethe, dato che il grande poeta tedesco, durante il suo viaggio in Italia nel 1786, la vide e la apprezzò tanto da considerare questa pianta all'origine dell'evoluzione del regno vegetale.