Oggi il cesto dei post propone...

Oggi il cesto dei post propone... L'Orto Botanico, varietà e stagioni

post del 10 giugno 2011 - Dracaena draco
post del 23 luglio 2011 - Fior di Loto
post del 3 novembre 2010 - Ficus magnolioides
post del 5 settembre 2012 - Taxodium distichum
post del 26 ottobre 2012

mercoledì 1 ottobre 2014

Un nuovo arbusto, la Carissa

La segnalazione di un nuovo arbusto non è attività usuale per il blog, sia per le mie modeste competenze sulla materia specifica, sia perché preferisco comunque parlare di alberi.
Però quando mi imbatto in un arbusto bello e poco conosciuto, come è successo per la Carissa macrocarpa (grandiflora per altre fonti), non me lo lascio scappare.


Il luogo è S.Elia, di fronte all'ingresso del Lazzaretto, all'interno di un bel giardinetto pubblico che connette il vecchio borgo con la strada principale.

Proprio vicino alla strada ci sono alcuni grandi cespugli di Carissa, di cui vediamo un esemplare nella fotografia a sinistra.

E' indubbiamente una bella pianta, che produce fiori bianchi profumati simili al gelsomino e, proprio in questo periodo, frutti simili a prugne, nella dimensione e nel colore, che pare siano anche commestibili.


L'immagine ravvicinata di destra mostra anche la bella foglia coriacea, ed il frutto arrivato a maturazione.

Se questo arbusto ha tali caratteristiche positive, la foglia lucida, il fiore profumato, il frutto bello e commestibile, come mai lo troviamo così raramente, per lo meno da noi? Un motivo può essere che possiede delle spine dall'aspetto terribile, come si intravede nella foto: acuminate ed addirittura biforcute.

Acquisita la consapevolezza delle spine, ed assunte le eventuali contromisure di protezione, la Carissa resta comunque un arbusto molto bello, che sembra capace di ambientarsi bene al  nostro clima; sarebbe piacevole incontrarne più spesso.