Oggi il cesto dei post propone...

Oggi il cesto dei post propone... Alberi rari in città

post del 23 giugno 2011 - Aberia caffra
post del 27 settembre 2012 - Acer saccharinum
post del 11 agosto 2011 - Clerodendrum trichotomum
post del 25 gennaio 2011 - Ficus religiosa
post del 20 ottobre 2011 - Paulownia tomentosa

sabato 4 dicembre 2010

I Cipressi

Scommetto che molti di voi, leggendo il titolo, hanno mentalmente proseguito "che a Bolgheri alti e schietti.....", o "All'ombra dei cipressi e dentro l'urne....." risvegliando carducciane/foscoliane memorie scolastiche. Eh si, è giusto, i cipressi sono forse la  famiglia di alberi con il legame di destinazione più stretto, cioè il cimitero; questo li fa considerare negativamente, quasi con fastidio o come portatori di sfortuna.

Vorrei provare a modificare questo luogo comune: i cimiteri, al di là della loro principale funzione, possono essere dei luoghi bellissimi e di grande interesse culturale, anche in ragione del pathos generato dalla presenza dei cipressi. Inoltre, molte specie della famiglia non hanno niente a che vedere con i cimiteri: cito come esempio il Cupressus Leylandii o Cipresso di Leyland, conosciuto come ottima pianta da siepe.

Detto questo, segnalo che il cipresso è la prima pianta di cui parliamo diffusamente che non ha la foglia a lamina (vedi la relativa pagina di grammatica degli alberi), ma la foglia a squame, ed appartiene alla Divisione delle Gymnosperme (le piante con foglia a lamina appartengono alle Angiosperme) assieme ai Pini ed agli Abeti, con i quali forma il grande gruppo delle conifere (portatrici di coni,  che sono i frutti delle Gymnosperme).

Dopo questa breve digressione tecnica, torniamo ai cipressi di Cagliari, e proprio a quelli tipici da cimitero: il Cipresso Comune, Cupressus Sempervirens, è ai primi posti, in termini quantitativi, fra le piante presenti a Cagliari, nonostante gli agenti di malattia (il cancro del cipresso).

Il cimitero di S.Michele ha degli esemplari veramente notevoli, come quello fotografato a fianco, anche se non raggiungono le dimensioni colossali della specie (altezza fino a 40 metri!); belle piante quelle del cimitero, non stentate come spesso sono invece gli esemplari costretti negli spazi della città (e non curati o eliminati, quando occorre). E' un altra causa della disistima per quest'albero da parte dei cittadini.


Un'altra specie di cipresso che voglio citare è il Cupressus Cashmeriana, di cui vedete a destra uno dei due esemplari che abbelliscono lo slargo di ingresso del cimitero di Bonaria (par condicio anche qui!); si staglia con sullo sfondo i cipressi comuni al di là del muro, in una prospettiva che consente il confronto. Altri esemplari di questa specie si trovano all'interno del cortile del liceo Dettori, dalla parte di via Cugia.