Oggi il cesto dei post propone...

Oggi il cesto dei post propone... Alberi rari in città

post del 23 giugno 2011 - Aberia caffra
post del 27 settembre 2012 - Acer saccharinum
post del 11 agosto 2011 - Clerodendrum trichotomum
post del 25 gennaio 2011 - Ficus religiosa
post del 20 ottobre 2011 - Paulownia tomentosa

venerdì 25 novembre 2011

L'umile e ravvivante Piracanta

Nel periodo in cui le piante entrano nella fase di riposo invernale, e sono quasi tutte tristi nell'aspetto e povere nei colori, non possiamo che onorare quelle che offrono colori vivi ed invitano al buon umore.

E' questo il caso della Piracanta, Pyracantha Coccinea, di cui ammiriamo un gruppo di bacche rosse che danno origine al nome, che unisce il colore del fuoco con le spine dei rami giovani.

La Piracanta merita di essere citata proprio perchè è un umile cespuglio senza pretese, normalmente ridotto a bordura  e spesso trascurato, ma che si prende la rivincita nel tardo autunno; è infatti in questo periodo che si riempie di bacche rosse (ma esistono anche varietà con frutti gialli o arancio) in gruppi densi e persistenti, che inducono allegria negli esseri umani ed appetito nei merli.

Dicevamo che la Piracanta è normalmente tenuta bassa e squadrata, ma se lasciata libera cresce fino a 4-6 metri di altezza in modo irregolare, come l'esemplare a fianco, fotografato ai Giardini Pubblici.

Esemplari squadrati possono essere visti un po' dappertutto; penso per esempio a via Amat, dietro il palazzo di Giustizia, dove i cespugli hanno sostituito i gloriosi Ficus espiantati per realizzare il parcheggio interrato.