Oggi il cesto dei post propone...

Oggi il cesto dei post propone... Alberi rari in città

post del 23 giugno 2011 - Aberia caffra
post del 27 settembre 2012 - Acer saccharinum
post del 11 agosto 2011 - Clerodendrum trichotomum
post del 25 gennaio 2011 - Ficus religiosa
post del 20 ottobre 2011 - Paulownia tomentosa

sabato 27 settembre 2014

Degrado verde in una bella via fra Stampace e Castello

Parliamo, su segnalazione di Rodolfo che ringrazio, della salita di S.Chiara, nell'ultimo tratto che conduce dalla piccola rotatoria della Fabbrica di S.Anna all'ingresso carrabile del Rettorato ed alla via Università.

Un tratto di strada, che da un punto di vista toponomastico credo faccia ancora parte di via Cammino Nuovo, breve ma di importanza strategica, dato che collega Stampace con Castello/S.Croce, attraverso le scalette e l'ascensore per i pedoni, ed il grande parcheggio di Cammino Nuovo per gli automobilisti; un tratto percorso giornalmente da migliaia di persone, fra cui in questo periodo moltissimi turisti.

E' un percorso affascinante quello che si arrampica da piazza Yenne, con un vista sulla città che progressivamente si allarga, fino ai panorami dello spiazzo-giardino del Rettorato o, ancor più, di via S.Croce.

Questa lunga premessa ci porta ad affermare quanto sarebbe importante che questa strada fosse curata al massimo, anche per gli elementi di arredo urbano che a noi stanno più a cuore, cioè gli alberi. E' infatti segnata da un doppio filare di Robinia pseudoacacia (post 24/4/11), o forse sarebbe meglio dire era: guardate come sono ridotti gli alberi, un tempo dotati di grandi fronde e fiori primaverili profumati.


Alcuni alberi non esistono più come si vede dal buco a sinistra, alcuni sono stati "scalzati via" e sostituiti dagli invadenti Ailanti, altri sono nelle condizioni di quello fotografato a destra.

Un grave degrado generalizzato, fra l'altro incomprensibile: vecchiaia? malattia? funghi? armi chimiche dell'Ailanto? Non lo so, ma so per certo che bisognerebbe intervenire, e presto.



Ecco un'altra foto, che comprende un gruppo di turisti spagnoli in transito: sembravano molto soddisfatti del loro tour, ma la vista di questi poveri semischeletri non deve averli sicuramente affascinati!