Oggi il cesto dei post propone...

Oggi il cesto dei post propone...

Alberi rari in città

giovedì 25 settembre 2014

La riqualificazione del Lazzaretto e le Melie


  

I lavori di riqualificazione dei piazzali antistanti il Lazzaretto di S.Elia, e più in generale i lavori di sistemazione del lungomare, sono ormai ad uno stadio di realizzazione avanzato; si intravede per ampi tratti il compimento di una vera rivoluzione cagliaritana, il nuovo rapporto fra Cagliari ed il suo mare.

Abbiamo già parlato di questa rivoluzione, con riferimento alla zona  antistante lo Spazio Grandi Eventi ed alla zona di Su Siccu (post del 27/10/13), naturalmente con occhio rivolto soprattutto al verde; in quella occasione criticavo la scelta del Lecci, in questa mi complimento invece per la scelta di un grande numero di alberelli Melia azedarach che sono stati sistemati nel parcheggio del Lazzaretto.

 Il Lazzaretto, di cui vediamo a sinistra l'ingresso, dalla strada del vecchio Borgo S.Elia, era una bella struttura museale con un brutto e degradato contesto tutto attorno; adesso sta cambiando tutto, ed il contesto diventa bello, come si può già intravedere anche se è ancora transennato.

Vediamo a destra lo spiazzo a prato vicino all'ingresso della struttura, e sullo sfondo alcune Palme; anche sul lungomare erano previsti filari di Palme, poi correttamente sostituiti, causa punteruolo rosso, con Lecci, Carrubi, Lentischi.
Sul Leccio mi sono già espresso; ottima invece la scelta dei Carrubi e dei Lentischi (forse più precisamente alberelli di Terebinto).

E veniamo finalmente all'albero, uno dei miei prediletti, che entra nel titolo del post: la Melia azedarach, che  punteggia con un gran numero di giovani esemplari il futuro parcheggio, come si vede nella foto a sinistra, ripresa dalle pendici del vecchio borgo.

Veramente un'ottima scelta;  questi alberi crescendo, oltre a mostrarsi nella loro eleganza intrinseca, aiuteranno a camuffare la bruttezza che accompagna qualsiasi parcheggio di auto.



Tanto per capirci, vi ripropongo la foto di un vecchio post (post del 5/3/12) relativa ad una Melia di Marina Piccola, con lo stesso microclima  di quelle di cui stiamo parlando; penso che l'effetto di insieme delle Melie del Lazzaretto, nelle varie stagioni che vivranno da qui a qualche anno, sarà veramente notevole.