Oggi il cesto dei post propone...

Oggi il cesto dei post propone...

Le piante che scappano di casa

}

domenica 3 aprile 2011

Un'altra pianta che scappa di casa

Questo post nasce, e con piacere, da una richiesta esplicita formulata da Valeria, che mi chiede di individuare alcune piante bellissime viste in un giardino condominiale.
Parliamo delle belle palazzine che sorgono fra via Genneruxi e via S.Benedetto, all'angolo del semaforo: dalla parte di via Genneruxi, di fronte all'edicola, c'è il passo carrabile e, subito all'interno, questo opulento esemplare.
Di che cosa si tratta? Ho fatto le mie ricerche, e credo di non sbagliarmi se dico che quest'albero è stretto parente di una pianta d'appartamento che la gran parte di noi conosce, di fatto se non di nome: è una Schefflera.

Non è una novità assoluta: in realtà, guardando nei giardini, si vedono spesso delle Schefflere, magari non così grandi, magari quelle a foglie piccole e screziate d'appartamento, però se ne vedono sempre di più: ci troviamo dunque a parlare di una famiglia di piante che, come i già citati Ficus Beniamina e Ficus Elastica (post del 3/11/10) stanno provando a scappare di casa, ottenendo anche delle belle soddisfazioni.

Da un punto di vista più scientifico, l'albero in questione è una Schefflera Actinophylla, specie più propensa alla vita all'aperto della cugina pianta d'appartamento Schefflera Arboricola, che però anch'essa mostra, a Cagliari, un sempre maggiore adattamento climatico all'esterno, almeno in giardini riparati dal vento.

Tornando alla Schefflera Actinophylla, il suo nome deriva dalla foglia composta con le foglioline disposte a raggiera (fino a 16 per foglia), come si può apprezzare dal particolare a fianco.







Gli esemplari di via Genneruxi non sono però gli unici in città, anche se non ne ho visto altri così belli; ecco qui a destra un altro esemplare, ripreso in via Machiavelli.



In conclusione, mi rendo conto che un'altro dei presupposti del blog, quello di non parlare di piante d'appartamento, è crollato; per giustificarmi, posso dire che la colpa è delle piante, che non sanno stare al loro posto!